Canottaggio: la Romania (con AbeOS) stacca i primi tre pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020

Sport

Il Campionato mondiale di canottaggio di Linz, Austria, ha emesso i primi verdetti con le gare di oggi. Per alcuni equipaggi in gara, piazzarsi in certe posizioni significava staccare il biglietto per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. E la Nazionale della Romania, assistita incessantemente in questi giorni di gare dall’osteopatia di AbeOS, si mette in tasca i primi 3 pass con tre equipaggi, le due imbarcazioni del 4 senza maschili e femminili e il due di coppia pesi leggeri che hanno a bordo le campionesse mondiali in carica. Per il Team GAS (Team AbeOS for Sport) sono presenti Marcello Marasco, Gianluca Cavallini e Michele Venturella, va detto che il vivere questa esperienza con ragazzi giovanissimi ma dall’educazione e dal rispetto di altri tempi è estremamente gratificante. Colpisce positivamente come tutti gli atleti, seppur trattati anche più di una volta al giorno, ringrazino sempre a fine seduta. La gratificazione va quindi oltre il risultato sportivo, che è comunque enorme. E così la Scuola di Osteopatia AbeOS sarà a Tokyo con il canottaggio rumeno, sarà una faticaccia come è stato in questi giorni (e non è ancora finita) ma ne varrà sicuramente la pena. Domani di nuovo in acqua, si voga con determinazione per staccare altri pass olimpici.

Nella foto collage, dall’alto a destra e in senso orario: i due atleti rumeni del 2 senza inquadrati dal maxischermo davanti alla tribuna, unghie col tricolore blu/giallo/rosso di un’atleta rumena, meritata birra fresca a fine giornata per il Team GAS sul terrazzo della tribuna, foto panoramica del bacino gare di Linz.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *