Nuovo anno didattico, in AbeOS inizia la virata verso il futuro: prima lezione strutturata in Problem Based Learning

Senza Categoria

La scuola di osteopatia AbeOS, in pieno feeling con il suo spirito dinamico, conferma la sua attitudine all’innovazione, alla sperimentazione, alla modernizzazione. Una scuola realmente studentocentrica. Già in passato il percorso didattico del progetto “Scuola Unica” aveva visto AbeOS, tramite il suo direttore Marcello Luca Marasco, come elemento costituente la commissione e come promotore del successivo avvio del percorso formativo, troppo presto accantonato dal ROI (Registro Osteopati d’Italia) temendo la reazione delle istituzioni statali. Ora è la volta dell’introduzione, in modo stabile e strutturato nel piano di studi, della metodologia didattica del Problem Based Learning (PBL, la cui traduzione è “Apprendimento basato sulla risoluzione di problema“), metodo appartenente a quella grande famiglia dell’apprendimento tra pari. Il lavoro si svolge in piccoli gruppi che, dovendo risolvere un problema proposto dal tutor, si costruiscono una formazione (guidata dal tutor stesso) e, particolare non trascurabile, imparano anche a lavorare in squadra. Quest’anno nella formazione a tempo pieno del Campus di Raiano, proprio a partire da oggi, è stato varato il primo PBL avente come soggetto la pneumologia. E’ il primo ad essere strutturato nel piano di studi dopo alcune esperienze testate nel passato anno didattico. Tutor del progetto è stato proprio il Direttore Marcello Marasco. Ottima impressione sui ragazzi che si sono cimentati senza troppe esitazioni sul problema, se non per un normale e fisiologico adattamento ad una metodologia sino ad oggi poco conosciuta. Durante l’anno saranno diversi i problemi (con i relativi temi) su cui saranno costretti a confrontarsi i ragazzi. Avanti così.

Nella foto (fonte AbeOS): i ragazzi che hanno partecipato al primo PBL di AbeOS.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *