Anche la Norvegia riconosce l’osteopatia come professione sanitaria

Ultime News

Il paese scandinavo della Norvegia è l’ennesimo anello della catena delle nazioni europee che sancisce per legge un riconoscimento giuridico alla professione dell’osteopatia, e lo fa accreditandola come sanitaria in parallelo alle professioni di fisioterapia e chiropratica. Non abbiamo messo casualmente il grassetto alla parola “in parallelo”: ci ha colpito questa cosa pensando al polverone che è sollevato in questo momento in Italia. Noi diciamo da una vita che c’è sicuramente una base comune tra l’osteopatia, la chiropratica e la fisioterapia, ben diversa è la professione che necessita di formazione specifica (chi scrive è un professionista che fa osteopatia con formazione anche in fisioterapia). E’ la stessa cosa per la medicina, provocatoriamente: “vi fareste operare di protesi di ginocchio da Christian Barnard se fosse vivo?“.. La risposta è “NO”, e non certo per le qualità e le competenze indiscutibili del più famoso cardiochirurgo del mondo. Ad ogni modo, ora l’osteopatia è una nuova professione sanitaria anche nella meravigliosa nazione scandinava, il processo è sempre più inesorabile da quel lontano giorno del 1895 in cui lo stato americano del Vermont riconobbe legalmente l’osteopatia, rapidamente seguito in un paio d’anni dal North Dakota e dal Missouri (la patria natia dell’osteopatia). Da lì in avanti, un succedersi di riconoscimenti giuridici, stato per stato americano e nazioni negli altri continenti, questi i fatti. Benvenuta Norvegia.

Fonte: Comunicato stampa del 2 Dicembre 2020,
https://www.mynewsdesk.com/no/norsk-osteopatforbund/pressreleases/osteopater-faar-offentlig-autorisasjon-som-helsepersonell-3055546